A Sestri Levante, ribattezzata “la città dei due mari” dallo Scrittore Hans Christian Andersen per il suo affacciarsi su due baie (“del Silenzio” e “delle Favole”), si trovano ristoranti dai piatti di mare, ristoranti con vista mare, ristoranti sulla passeggiata mare, ristoranti “praticamente in mare”, … ma nessuno ha in cucina una nonna che il mare te lo serve nel piatto.
Che poi tutte le nonne sappiano cucinare è un luogo comune, ma forse non sai che la Sig.ra Gabriella Paganini, prima dell’apertura di Rezzano, ha avuto cucita sul grembiule una Stella Michelin quando con il marito, Gian Rezzano, per un trentennio ha mandato avanti sempre a Sestri Levante il loro vecchio ristorante, la  “Fiammenghilla dei Fieschi”.
Quindi, fossi in te, in questo caso non ne dubiterei.
Non dubiterei anche della premurosa direzione di sala della figlia Silvia ne del passaggio di consegne in cucina tra la nonna e il nipote Matteo; la chiusura del cerchio, prima infante che si divertiva a guardare spadellare Gabriella e ora da lei guardato mentre inconsciamente ne ripete i gesti e consciamente insegue le gesta.
Silvia e Matteo curano anche la lista dei vini, più di 250 referenze in prevalenza naturali; da poco a fianco al ristorante hanno creato una cantina dove se ne avete voglia potete farvi accompagnare per divertirvi scegliendo cosa bere con i piatti ordinati.
Il menu di Rezzano, una quindicina di piatti e un manciata di dolci, è stagionale, freschezza e alta qualità della materia prima, di mare e di terra,  ne sono le basi; i principi senza confini della cucina non sono altro che l’evoluzione degli stessi che avevano portato alla stella e che troppo spesso al giorno d’oggi e in altri ristoranti non vengono giustamente considerati come invece accade per il design, la teatralità e il marketing, in realtà spesso inutili.
Dovessi proprio cercare il pelo nell’uovo, mi piacerebbe avere la possibilità di evitare ogni scelta e abbandonarmi a un menu degustazione, stagionale, che ora è assente ma che sicuramente verrà a breve reinserito.
E se il dehor è situato in una delle vie pedonali più trafficate di Sestri Levante, la sala interna invece è una culla di legno e pelle che ti regala la giusta quiete per cenare isolandoti dal mondo, godendo delle gustose preparazioni e delle concentrazioni di sapore.
Alla fine anche tu, la prossima volta che ti parleranno del carattere di Sestri, volerai a quando qui hai ciucciato la testa di un gambero rosso di Santa o succhiato la loro bisque con i tagliolini e lo vedrai nitido e accogliente. Cosa? Il mare.

NB: probabilmente accadrebbe lo stesso qualora Sestri Levante fosse la città dei due boschi e avessi assaggiato un loro risotto ai porcini.

NB2: il ristorante Rezzano è chiuso per ferie sino alla prima settimana di dicembre; alla riapertura si prospettano un bel po’ di novità 😉

Rezzano Sestri LevanteCapesante Rezzano Sestri Levante
UPDATING: il ristorante Rezzano ha riaperto i battenti dopo le ferie novembrine; ancora non è stato inserito un percorso degustazione, ma c’è un nuovo menu, pensato da Matteo, frutto dell’incontro tra il suo credo culinario e il territorio.

Trovi le foto di alcuni dei nuovi piatti di seguito.

Se avrai occasione di tastarli, fammi sapere cosa ne pensi.

A presto.

Appetizer: cialda di polenta di mais e baccalà mantecato

Spirale di gambero viola, vellutata di zucca, lime e olio al wasabi

Cappon magro XO

Sella di capriolo, erbe aromatiche, ciliegiolo e patate al rosmarino

Porci / NO?: semifreddo alla panera, savoiardi, crumble e nocciolaio

Chips di mela, crema al gorgonzola, aceto balsamico e miele

Rezzano, cucina e vino
Via Asilo Maria Teresa, 34
16039 Sestri Levante (GE)
+039 0185450909

The post in English will be out in a few days, maybe