Bottiglie, calici, eventi e ancora bottiglie. E le vigne? Reddite quae sunt Caesaris Caesari, Wine Vineyards è qui per questo.
Non perderti i vigneti piu’ magici d’Italia e del resto del mondo (e cliccando sui nomi dei vini qua sotto, potrai saperne di più e scoprire il loro ENP Wine Rating che da oggi trovi anche su Vivino).
Buon divertimento!

Bottles, glasses, events and even bottles. And the vines? Reddite quae sunt Caesaris Caesari, Wine Vineyards is here for this.
Don’t miss the most beautiful vineyards in Italy and the rest of the world (and by clicking on the names of the wines below, you can find out more and discover their ENP Wine Rating which you can also find from today on Vivino).
Buon divertimento!

Wine Vineyards #14 – Il vigneto del Pigro delle Sorbe di Collecapretta (Spoleto – PG)

La forma di allevamento è il Guyot e le viti hanno un età compresa tra i 40 anni di media e i 6/7 anni per gli ultimi impianti.
Il terreno è totalmente argilloso con piccoli sassi e marne a 40/50 cm di profondità.

The training method is Guyot and the vines are aged between 40 years on average and 6/7 years for the last plants.
The land is totally clayey with small stones and marls 40/50 cm deep.

i vigneti più magici d'italia collecapretta

Wine Vineyards #15 – Il vigneto del Modus Bibendi Grillo di Elios (Alcamo – TP)

Coltivato in biologico, è situato a Camporeale, 300 metri sopra il livello del mare.
Il suolo è prevalentemente argilloso e calcareo, le viti hanno in media una quindicina d’anni.

Cultivated in organic, it’s located in Camporeale, 300 meters above the sea level.
The soil is mainly rich in clay and limestone, the vines have an average of fifteen years.

i vigneti più magici d'Italia Elios

Wine Vineyards #16 – La vigna del Valtellina Superiore Sassella DOCG “Ultimi Raggi” 2006 di Arpepe (Sondrio – SO)

Luce e vento a 600 mt s.l.m..

Light and wind at 600 meters above sea level.


Wine Vineyards #17: La vigna del Munjebel MC 2014 di Frank Cornelissen (Castiglione di Sicilia – CT)

Il paradiso visto dal paradiso è un paradosso?
Tutte le informazioni sul vigneto potete trovarle sul nuovo sito in italiano di Frank Cornelissen.
E ora silenzio, per favore.

Is the paradise seen from the paradise a paradox?
All information on the vineyard can be found on the new site in Italian by Frank Cornelissen.
Now silence, please.

i vigneti più magici d'italia cornelissen

Wine Vineyards #18: Il vigneto del Vin Brusco di Montenidoli (San Gimignano – SI)

Situato in zona Montenidoli a San Gimignano 350 mt s.l.m. e allevato a Guyot in biologico con una densità d’impianto di 5500 piante per ettaro, è prevalentemente argilloso-calcareo.

Located in Montenidoli area in San Gimignano 350 mt s.l.m. and grown in Guyot in organic with a plant density of 5500 plants per hectare, it’s predominantly clayey-calcareous.

i vigneti più magici d'italia montenidoli

Wine Vineyards #19: La vigna del Pisador di La Mision (Cauquenes – RCH)

La Pais, proveniente dalle Canarie dove viene chiamata Listan Negro, è un’uva molto resistente e a grappolo spargolo che grazie al clima precordillero abbastanza caldo (200/300 mt slm), la forma di allevamento ad alberello e il suolo granitico, regala un nettare corposo, dal tannino marcato e dall’umore affumicato caratteristico.

The Pais, coming from the Canary Islands where it’s called Listan Negro, is a very resistant and bunchy grapes that thanks to the rather hot precordillero climate (200/300 meters above sea level), the form of sapling and the granite soil, gives a nectar full-bodied, with a marked tannin and a characteristic smoky flavor.

Wine Vineyards #20: Il vigneto del Gredic di Movia (Dobrovo v Brdih – SI)

Coltivato a Mono Guyot in biologico, è abitato da piante di un quarto di secolo radicate su un terreno (2 ha) calcareo e marnoso chiamato “Briška opoka”.

Cultivated in organic with Mono Guyot, it’s populated by plants of a quarter of a century rooted on a calcareous and marly ground (2 ha) called “Briška opoka”.

Wine Vineyards #21: i vigneti del Punk Freud di Canlibero

A Torrecuso (BN) il rosato non lo prendono da una sola vigna, ma da quella che più li convince nella maturazione al momento della raccolta, poiché lo vendemmiano nella seconda metà di settembre, in anticipo rispetto alle uve dell’Aglianico rosso da terreno alluvionale, prevalentemente argilloso e tufaceo.

In Torrecuso (BN) the rosé doesn’t take it from a single vineyard, but from the one that most convinces them in the ripening at the time of harvest, since they harvest it in the second half of September, in advance of the Aglianico red grapes from alluvial soil ,predominantly clayey and tufaceous.

i vigneti più magici d'italia ancarani

Wine Vineyards #22: il vigneto del Sangiovese di Romagna Oriolo di Ancarani (Faenza – RA)

Esposto a sud-ovest, è situato su una vena di argilla rossa in una zona, quella di Oriolo, caratterizzata da sabbie dorate e a una altitudine di 150 slm.

Facing south-west, it’s located on a vein of red clay in an area, Oriolo, characterized by golden sands and at an altitude of 150 slm.

i vigneti più magici d'italia ancarani

Wine Vineyards #23: il vigneto del Brut Nature “Bam!” di Champagne Tarlant (Epernay – FR)

Fa parte del progetto legato agli Champagne da singolo vigneto.
La vigna, Les Sables, é piantata su un mix di sabbia, suolo molto raro nella regione, e calcare del Luteziano, secondo dei 4 piani dell’Eocene.
I 3 vitigni sono piantati separatamente uno di fianco all’altro e allo stesso modo vegono vendemmiati separatamente, in funzione della loro sopraggiunta maturazione.

It’s part of the project related to Champagne from the single vineyard.
The vineyard, Les Sables, is planted on a mix of sand, very rare soil in the region, and Lutetian limestone, according to the 4 ages of the Eocene.
The 3 vines are planted separately one next to the other and in the same way they are harvested separately according to their maturation.

i vigneti più magici d'italia tarlant