Barbaresco deriva dal termine latino “barbarica silva” (bosco dedicato dai romani al dio Marte). Oggi, ahimè, la selva non c’è più, ma son rimasti i barbari.
Tra di loro però alcuni si sono svegliati e hanno iniziato un percorso nella tradizione locale al di fuori del mito; Paolo Veglio di Cascina Roccalini, 40 anni, è uno di questi vignaioli e i suoi vini fanno paura. Per quanto sono buoni, si intende.

Poco più di due ettari di vigne in produzione danno vita a un Barbaresco Roccalini, a un Barbaresco riserva, sempre Roccalini (per ora prodotto solo nelle annate 2011 e 2013), e a un Langhe Nebbiolo che prende il posto del Dolcetto d’Alba e della Barbera d’Alba (peccato, mi gustavano alquanto).

Paolo, lavora le sue vigne a circa 250 mt sul livello del mare da quando ha 14 anni e oggi produce vino naturale.
Attenzione, non passa la vita a fare il fricchettone tra i filari, ma rispetta l’uva, il suo ego e la fiducia di chi sceglie il suo vino.
Ricerca la purezza del prodotto, non utilizza trattamenti di sintesi né diserbanti, solo rame e zolfo, cercando con una piccola stazione metereologica e un po’ d’intelligenza di limitarne la quantità.
Alla domanda “cosa fa più male alle viti?” risponde “il trattore”, strumento che cerca di utilizzare il meno possibile, in ogni filare un anno sì e uno no, per avere un terreno meno asfittico.

L’azienda conta anche 4 ettari di nocciole e tutte le vigne sono esposte a sud/sud-ovest e protette dal Tanaro, il suo miglior alleato nelle annate calde.
Nel 2016 ha acquistato alcune vecchie vasche di cemento, le ha rivitalizzate e adesso le usa perché simili alle damigiane, il suo contenitore preferito. Perché? Perché lì non c’è traspirazione, solamente una buona coibentazione e una straordinaria capacità di stabilizzazione del liquido, anche grazie all’assenza di cariche elettriche.
Il cemento controlla la fermentazione cedendo freddo durante la fase tumultuosa e calore quando questa rallenta, aiutandola a giungere al termine.

Per l’affinamento utilizza botti di legno della dimensione maggiore che poteva entrare in cantina e di forma ovale, prodotte da Mittelberger e sartorialmente costruite per essere “un vaso vinario che non dà gusto al vino, ma che lo prende dal medesimo”.
Non le tiene mai vuote per una questione di igiene e secchezza/porosità del legno, le lava solo con l’acqua e, prima dell’utilizzo, le tratta con la salamoia per togliergli ulteriomente il gusto legnoso.
Insomma Paolo, che ha frequentato 6 anni di scuola enologica e imbottiglia dal 2005, fa il vino come piace a lui, cercando l’equilibrio nel solco della tradizione. Ma fai attenzione: l’equilibrio, non il baricentro. Perché mille spigoli possono diventare un cerchio.

Il cru Roccalini è un vigneto nascosto, quasi periferico, a forma di anfiteatro esposto a sud/sud-ovest che già nell’ottocento il Fantini annoverava tra le migliori vigne di Barbaresco.
Fino al 1988 i fratelli Giacosa lo hanno imbottigliato da solo e successivamente le uve sono state convogliate in barbareschi generici. Nel 2005 però è iniziata la produzione di Cascina Roccalini e il resto della storia te l’ho appena raccontato.

Ti stai ancora chiedendo se mi sono piaciuti i vini? Anche se non credo serva, te ne parlerò nei miei post in futuro.
Adesso mi sento di darti solo un consiglio, inizia a preparati per quando uscirà il Barbaresco Riserva Roccalini 2013. Boom!

Cascina Roccalini Barbaresco Enoplane

Cascina Roccalini Cemento

Supporta ENOPLANE.COM!

Segui già Enoplane.com su INSTAGRAM e FACEBOOK?

Se la risposta è sì, non ti rimane altro da fare che iscriverti alla newsletter inserendo nel form la tua mail.

Diversamente aiutaci cliccando sui due link qui sopra. Potrebbe sembrarti una sciocchezza, ma per noi è importante. Grazie!

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest