Dal 28 Posti di Milano, dove sono stata più volte, lo chef Marco Ambrosino si è spostato a Napoli, all’interno della bellissima Galleria Principe di Napoli, negli spazi che un tempo erano sede degli uffici della Tesoreria comunale.
Al piano terra il caffè ScottoJonno, portato a nuovi splendori, si snoda tra caffetteria, bistrot e cocktail bar, mentre al piano superiore si aprono le porte di Sustanza, il suo nuovo ristorante.
Le bellissime sale, con arredi ispirati all’Art Noveau, hanno pareti in seta pregiata, di diverse tonalità, con arredi che riportano indietro nel tempo, all’atmosfera sognante della Belle Époque.
Di Marco Ambrosino mi colpirono fin dal primo momento la nitidezza e l’intensità dei sapori, l’interpretazione delle materie prime scelte in giro per il Mediterraneo e quindi la capacità di farti viaggiare attraverso i piatti, emozionandoti con gusti e profumi mai scontati.
La sua è una cucina originale, fortemente identitaria, frutto di un profondo pensiero e un’attenta ricerca, in cui tecnica e sperimentazione giocano un ruolo fondamentale.
Oltre a una piccola carta, l’offerta gastronomica di Sustanza si articola in tre degustazione, da 5, 8 e 10 portate, e l’unica indicazione che viene data agli ospiti consiste negli ingredienti che si trovano all’interno del menù, le cui bellissime illustrazioni sono realizzate anch’esse dallo chef.
In sala il sommelier Davide Cozzolino non ha certamente un compito facile nel proporre gli abbinamenti a piatti così complessi e articolati, ma ci riesce benissimo.
Queste le fotografie dei piatti che componevano il più lungo dei percorsi, Lungo Corso, quella sera.

Galleria Principe di Napoli

I locali della Tesoreria comunale

Menù #1

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO

Menù #2

MC Brut Nature “Sui Generis” di Cherubini

Flan al prezzemolo e bietola, olio evo di Nocellara – Foglia di radicchio, miele, aceto di mele, crema alle arachidi – Macaron, burro alle acciughe, limone bruciato – Danubio con burro fermentato ed erbette. Una partenza bella decisa!

Minestra di verdure di stagione sbiancate, carote grigliate e brodo di verdure fermentate e pane fermentato con il metodo Soleras

Grissini di semola, pane di farina di tumminia, manitoba, saccorosso e lievito madre – Burro fermentato e affumicato, polvere di cipolla bruciata: personalmente preferivo la versione milanese del burro montato, molto più golosa!

La preparazione del cocktail per l’abbinamento

Carciofo grigliato, alla base gambi di carciofo, olive nere ed emulsione di tartufo nero. Sopra cucunci, brodo al tartufo, olio al carciofo, erba cipollina e agrumi. Complessità e profondità sono indescrivibili, mai mangiato un carciofo così esaltante!

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Chiaiozza

Chiaiozza. Crudo di canocchie alla base, cavolo cappuccio, olio di pino marittimo, gelato di riccio di mare. Il mare nella cucina di uno chef nato a Procida non può mai mancare. Grande l’armonia trovata con gli elementi di terra

Sake Hatsumago Densho Honjozo

Ostrica. Glassata con lievito naturale, alla base salsa alle ostriche, orzo fermentato, infusione di tè nero africano e olio di argan. Anche se rimango dell’idea che l’ostrica è perfetta per natura così com’è, un bel modo di esaltarla rispettandola

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Fish offal feast

Fish Offal Feast. Chawanmushi (piatto della cucina giapponese) di cavolfiore, tartare di pance, salsa al vino bianco, olio alle foglie di limone – Pesce gravalax affumicato, fegati di pesce, miso di pinoli – Tacos di cavolo nero con prosciutto di coda di allitterato, limone bruciato, foglie di vite e misticanza. Un piatto ricco in cui divertirsi passando da un assaggio all’altro. Mamma mia che potenza il cucchiaio! Le parti meno nobili del pesce diventano protagoniste di un piatto articolato dai sapori straordinari

Campania IGT Coda di Volpe “Quarta” 2022 di La Cantina di Enza

Trottole come una bouillabaisse, cotte in brodo di lische affumicate, salsa di pane allo zafferano, finocchio, dragoncello, alici marinate, alghe e polline

Cardo alla griglia brasato al limone e zafferano, crema alle olive nere, alloro e succo di cipresso

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Pesce stella

Pesce stella cotto in olio aromatico, stracotto dei suoi ritagli, lenticchie alla brace, salsa alla carruba, peperone crusco; minestra di cavoli, salsa di datteri, cozze e olio all’aneto

Minestra di cavoli, salsa di datter, cozze e olio al rosmarino (servita insieme al pesce stella)

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Agnello

Agnello cotto nel mirto, tzatziki di mandorle alla base, pane kosho, tagete. Accompagnato da…

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Salagioni

… Salagioni di agnello e pecora, conserve vegetali della stagione passata – Erbe alla griglia con grasso di agnello e polvere di rose – Focaccia al carbone e ragù di ritagli. Tutto buonissimo, ma la focaccia al carbone e ragù di ritagli è davvero pazzesca. Golosa, ma non stucchevole, come sanno esserlo le interiora. Non si butta via niente: la  forchettina realizzata con un osso dell’animale

Focaccia #2

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Spaghettino

Spaghettino cotto nel vino ossidato, olio al ginepro, cenere d’agrumi ed erbe balsamiche. Qui la nota amaricante per i miei gusti è un po’ troppo intensa, ma so che è un mio limite!

Sorbetto alle foglie di fico, sale e olio all’alloro. Freschezza, fermentazioni, note balsamiche e raffinati equilibri: favoloso. Così inizia una sequenza dolce in cui il bravissimo pastry chef, Federico Andreini, in continuità con il resto del menù, prosegue nel racconto dei popoli in cammino per il Mediterraneo

Musica da Tavola #18: SUSTANZA (Napoli) - Fotografie dal menù LUNGO CORSO - Cardo

Cardo. Cardo pochè, cedro, miele e cedro ossidati, gelato al sorgo tostato, incenso e cera d’api

Terra. Gelato al burro affumicato, koji tostato di fagioli, idromiele da bere e in gel alla base del piatto, hoshigaki, cialda all’aronia

Piccola pasticceria: Scorzonera fermentata – Meringa di lattuga di mare, burro di mela cotogna – Caramella gommosa di fichi d’india e tabacco – Nuvola di “Clove Club” con riduzione di lampone, miso e lievito – Tonico “Ambrosino” con genziana e erbe

 

Sustanza
Galleria Principe di Napoli, 13
80135 Napoli (NA)
+39 081 379 5766
website

Menù degustazione:

Piccolo Cabotaggio, 5 portate, 90,00 euro
Medio Raggio, 8 portate, 120,00 euro

Lungo Corso, 10 portate, 150,00 euro
Abbinamento vini, 60,00/90,00 euro
Piatti alla carta: –

Vini naturali in carta: sì

Non vorrai mica lasciarti sfuggire gli altri reportage di Fabrizia? Puoi trovarli cliccando qui e qui o sull’immagine sottostante.

Ma quanto vuoi bene a Enoplane.com?!?

Se la risposta è compresa in un range che varia tra tanto e infinito, per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che riguarda il tuo schietto indie blogazine enogastronomico preferito, con la certezza che non sarai mai spammato, iscriviti alla sua newsletter! Dai, non farti pregare. Per noi è importante...

Grazie!

Pin It on Pinterest