Ho incontrato Gian Paolo Isabella e Marcello Righi nel 2015 a Villa Castelletti, Signa, durante l’oramai annuale degustazione organizzata da Teatro del Vino e da quel giorno i loro vini sono diventati punti fermi del mio background gustativo in materia di Lambrusco.
A marzo dello stesso anno, sono andato a trovarli nella loro cantina di Campogalliano (MO), nella terra sabbiosa delle bilance, e sono riuscito a farmi un’idea sul loro vissuto, fatto di persone (Bellei, Graziano, …) ed esperienze.
Ancora mi ingioio per il “tecnologissimo” metodo di controllo della temperatura per le bottiglie in cantine mostratomi in quell’occasione da Gian Paolo.
Veri e gioiosi, concordi ma diversi, misurati ancorché appassionati, appaiono a immagine e somiglianza dei loro vini.
Tra questi, l’Albone di Podere il Saliceto si è fatto tetragono delle mie convinzioni.
100% Lambrusco Salamino di Santa Croce la cui conformazione del grappolo, dalla buccia pruinosa, ricorda un piccolo salame.
Allevato a Cordone speronato con una densità di 4000 ceppi/ha, viene vendemmiato manualmente e interamente diraspato.
Sottoposto a dei delestage a freddo, fermenta a temperatura controllata.
Metodo charmat.
Viaggia con una sessantina di di mg/l di anidride solforosa.
La spuma è copiosa ed evanescente.
Rosso rubino carico con riflessi violacei.
Tannino appena setoso.
Cardine è il riuscito bilanciamento tra zucchero e acidità che non lo rende stucchevole servito a temperature da rosso.
Fresco e vinoso.
Buono.
Gioioso.
Rassicurante, un vino da offrire agli amici.

I met with Gian Paolo Isabella and Marcello Righi in 2015 at Villa Castelletti, Signa, during the annual tasting event organized by the Wine Theater and from that day their wines have become the point of my tasting background about Lambrusco.
In March of the same year, I went to see them in their Campogalliano winery, in the sandy land of scales, and I was able to give an idea of ​​their experience, made up of people (Bellei, Graziano, …) and experiences.
I’m still happy for the “technologically very important” method of controlling the temperature of the bottles in the cellar show me during that occasion by Gian Paolo.
Joyful and agreeable but different, measured even if passionate, appear in the image and likeness of their wines.
Among them, the Albone of Podere Il Saliceto has become their wine of my heart.
100% Lambrusco Salamino di Santa Croce (the cluster has the shape of the salami and is covered by bloom).
Raised single-spurred cordon with a density of 4000 strains per hectare, is harvested manually and completely destemmed.
After cold delestages, it ferments at controlled temperature.
Charmat method.
About sixty mg/l of sulfur dioxide.
The foam is copious and evanescent.
Ruby red with purple reflections.
Silky tannin.
Foundental is the successful balance between sugar and acidity that doesn’t make it stubborn served at temperatures from red.
Fresh and vinous.
Good.
Joyful.
Reassuring, a wine to drink with friends.

albone podere il saliceto enoplane