Ah, finalmente.
Ho incrociato questo vino per la prima volta al ristorante stellato “La Buca” di Cesenatico (ne parlo qui) ed è stato un casino.
La persona che era con me, non avezza a certi stili gustativi si era limitata a un laconico e tagliente “Non mi fa impazzire, sai” e ancora più difficile è stato recuperarne, successivamente, una bottiglia del medesimo millesimo per assaggiarlo in tutta calma.
Comunque tutto è bene quel che finisce bene, e questa sera finalmente l’ho stappata.
Prima di dirti se mi è piaciuto, sappi che il Menis è un bianco prodotto in meno di mille bottiglie da Filippo Manetti nella sua azienda naturale “Vigne di San Lorenzo” a Brisighella (RA).
100% Albana di diversi biotipi, nasce da vigne diverse di circa 25 anni e viene vinificato e affinato in anfora giorgiana con 9 mesi di macerazione sulle bucce.
Il nome proviene dalla parola con cui inizia l’Iliade, Menis appunto, e scuola dire “ira”.
Ha un doppio significato:
– il vino in anfora è l’inizio del vino come la parola Menis per l’Iliade;
– parlare dei vini vinificati in questo modo spesso crea accesi dibattiti tra i partecipanti che spesso si trasformano in arrabbiature, provocando appunto l’ira dei coinvolti.
Officinale, profuma smalto e ardesia porosa.
Diversi rossi nelle notti più buie sognano di avere un tannino così delicato.
Un’esondazione gusto-olfattiva divinamente controllata nonostante il lungo periodo di macerazione.
Un filo di ossidazione verticalizza la struttura.
Al contrario del nome, controllato.

Ah, finally.
I meet this wine for the first time at “La Buca” of Cesenatico and it was a mess.
The friend with me, not unaccustomed to certain wines, restricted it with a laconic and sharp “Don’t make me mad, you know” and even more difficult it was finding, later, a bottle of the same vintage to taste it calmly.
But all’s well that ends well, and tonight I’ve finally opened it.
Before I tell you if I liked it, you know that the Menis is a white wine produced in less than a thousand bottles from Filippo Manetti in his natural company “Vigne di San Lorenzo” in Brisighella (RA).
100% Albana of different biotypes, comes from different vineyards of about 25 years and it is vinified and aged in georgian amphora with nine months of maceration on the skins (100%).
The name comes from the word with which it begins the Iliade, Menis precisely, and it means anger.
There is a double meaning:
– the wine in anphora is the beginning of the wine as the word Menis for the Iliade;
– This kind of wines often creates debates ending in anger and causing the wrath of those involved.
Herbaceous, nail varnish and porous slate.
Some red wines in the darkest nights dream of having such a mild tannin.
It is a taste flooding divinely controlled despite the long period of maceration.
An little of oxidation verticalizes the structure.
Unlike the name, measured.

Le due immagini dell’anfora sono state  fornite dal vignaiolo…